adsl o fibra

ADSL o Fibra Ottica: cosa è meglio per l’ufficio

 

Una connessione internet veloce, sicura e performante è ormai essenziale, specialmente per quelle aziende in cui la maggior parte del lavoro è svolto al computer. Non solo grandi gruppi imprenditoriali, ma piccole e medie imprese, così come lavoratori autonomi, necessitano di una linea che permetta loro di inviare file, caricare moduli, effettuare pagamenti in maniera rapida. L’Italia si sta lentamente adeguando agli standard europei in quanto a banda larga e dunque sono sempre più le connessioni iper-veloci: la domanda da porsi è dunque relativa alla scelta tra ADSL e fibra ottica. Cerchiamo di analizzare tutte le variabili in gioco per una valutazione più consapevole.

 

Differenze tra ADSL e Fibra

Per poter optare per la soluzione migliore in base alle proprie esigenze aziendali bisogna anzitutto comprendere le differenze tra i due servizi.

Funzionamento

Una normale connessione ADSL (acronimo che sta per Asymmetric Digital Subscriber Line) utilizza in realtà il doppino del telefono. Ciò dunque non comporta modifiche infrastrutturali o al condominio. La linea è detta asimmetrica perché la velocità in download è più elevata di quella in upload: in poche parole, sarà molto più semplice scaricare un file piuttosto che effettuare chiamate VOIP.

Al contrario, l’installazione della fibra prevede dei lavori indipendenti dall’utente finale. Nel caso della linea FTTC (Fiber to the Cabinet) la centralina si trova in prossimità dell’edificio, mentre se si usufruisce della fibra FTTH (Fiber to the Home) si evita qualsiasi dispersione, poiché la centralina è installata nello stesso palazzo (ne consegue, tuttavia, un adeguamento non solo infrastrutturale, ma anche condominiale).

Trattandosi di una tecnologia più avanzata, è evidente che la fibra ottica risulti più stabile e che difficilmente si danneggi a causa di intemperie o disturbi elettromagnetici, il che la rende certamente più adatta alle utenze business.

Velocità

Conseguenza delle modalità di installazione è, ovviamente, la velocità del servizio. L’ADSL raggiunge al massimo i 20 Mbps in download e le possibilità in upload sono ancora più limitate. La fibra ottica invece è ben più rapida e va da un minimo di 30 Mbps fino a ben oltre i 100 Mbps in download, mentre in upload raggiunge i 20 Mbps.

L’ultima avanguardia in fatto di tecnologia è la fibra ottica fino a 1 Gbps in download e fino a 100 Mbps in upload, velocità finora impensabili.

 

Come scegliere tra Fibra ottica e ADSL

Finora, la scelta sembra propendere senza alcun dubbio per la fibra – ed in effetti si tratterebbe della soluzione migliore, specialmente per chi lavora al computer o ha bisogno di una connessione stabile ed efficiente. Bisogna tuttavia considerare alcuni fattori piuttosto rilevanti.

Prezzo

Il costo dell’ADSL è ormai alla portata di tutti e generalmente parte da meno di € 20 mensili; la fibra, essendo più moderna e performante, ha prezzi leggermente più alti, sebbene il divario si stia progressivamente accorciando in concomitanza con la più ampia adozione della linea veloce. Il mercato si sta quindi adattando ed infatti oggi esistono prodotti adatti alle esigenze aziendali a prezzi molto contenuti, che includono ADSL o Fibra a seconda delle esigenze e chiamate illimitate, come OfficeOne Wind che parte da € 25.

Copertura

Il fattore determinante, tuttavia, è la copertura. La fibra ottica è ancora in fase di implementazione in diverse zone d’Italia, per non parlare di quella iper-veloce da 1 Gbps in download, disponibile attualmente solo in alcune tra le città più grandi del Paese. Prima di optare per un’offerta fibra per la propria azienda, è assolutamente consigliato, dunque, assicurarsi che la propria zona sia servita. Questo problema non c’è invece per le connessioni tra i 7 e i 20 Mbps, poiché la copertura ADSL è ormai assicurata praticamente ovunque.