L’ADSL più adatta

La linea dati per il proprio appartamento o per il proprio ufficio è un prodotto estremamente prezioso, sia per chi la utilizza per i propri affari che per chi la utilizza semplicemente per hobby. In questo senso la scelta deve essere ponderata e delle migliori.

 

I fattori da tenere in considerazione sono molti, e alcuni difficilmente controllabili. Per esempio, condividere nella stessa zona lo stesso operatore con molte altre utenze potrebbe essere un fattore che peggiora la qualità della connessione. Questo vuol dire che se nel palazzo in cui si abita tutti utilizzano lo stesso gestore, questo potrebbe rendere più lenta la vostra connessione, ma, appunto, questo ordine di fattori è scarsamente controllabile.

 

Per poter fare una scelta intelligente dobbiamo prima di tutto distinguere tra diverse casistiche:

 

  • con o senza abbonamento Telecom
  • con o senza abilitazione per la telefonia VoIP

 

La possibilità o meno di essere del tutto svincolati da Telecom e quindi di ricevere una sola bolletta è legata al fatto che l’operatore alternativo scelto abbia raggiunto o meno con la sua rete la località in cui dobbiamo allacciare il contratto.

 

Una volta ristretta la cerchia degli operatori da scegliere a quelli la cui rete gestisce la nostra utenza, dobbiamo operare la scelta del tipo di contratto.

Dati o Dati+Voce?

 

Avere una linea solo Dati non vuol dire precludersi la possibilità di fare telefonate. Ci sono operatori telefonici VoIP che vi permettono di avere un telefono a partire da una ventina di euro con il metodo della ricaricabile, senza costi fissi e con tariffe davvero vantaggiose.

 

Quindi ci concentriamo sulle offerte Dati, e lasciamo da parte le tariffe telefoniche.

Vediamo prima di tutto le velocità:

 

 

Una considerazione necessaria è che, indipendentemente dalla velocità nominale, è la banda minima garantita (BMG) la caratteristica che influisce sulla velocità a cui navigherete effettivamente. Le velocità indicate sono infatti velocità potenziali della linea, non quelle effettive.
Ma la maggior parte di queste offerte non viene fornita con una banda minima garantita.

 

Quindi se si ha bisogno della certezza della velocità della linea si deve optare per una linea che offra una banda minima garantita. Di solito le offerte con banda garantita sono quelle rivolte alle aziende, ad esempio Alice garantisce 10 Kbps, Tiscali 256 Kbps, e le offerte di operatori alternativi, come SuperAdsl o Cheapnet per il mercato business.

 

Fatta questa doverosa precisazione, come si fa a decidere se ci serve una linea a 20 Mega o ci basta una linea a 7 Mega? La differenza di canone mensile spesso non è altissima, ad esempio l’offerta Tiscali a 20 Mega costa 24,95 euro, quella a 8 Mega costa19,95 euro, ma ci sono alcune considerazioni che si possono fare per decidere se spendere o no la differenza, ovvero il numero di postazioni che utilizzano contemporaneamente la connessione, e se utilizzate contemporaneamente servizi di P2P – come eMule – e VoIP, in questo caso potrebbe servirvi una linea più veloce.

 

Insomma, orientarsi fra le molte offerte non è facilissimo, ma la cosa importante è stabilire quale siano realmente le proprie necessità.